I Mala Tibetani sono i rosari buddhisti. Il termine sanscrito Mala significa “ghirlanda”. E’ uno strumento sacro composto da 108 grani di pietre naturali, infilati ed annodati uno ad uno. Essi rappresentano l’unione e la connessione esistenti alla base degli esseri viventi. In ogni Mala c’è un grano più grande, chiamato Guru, unito ad una nappa di cotone che rappresenta il loto dai mille petali.
Perchè 108 sfere? Perchè “1” è la verità ultima, la coscienza suprema: Brahma; “0” è Shunya, il cosmo, Shiva; “8” è l’energia femminile, Shakti, la manifestazione del creato.